Introduzione al Cloud Computing – IaaS

L’Infrastructure as a Service (IaaS) consiste nel mettere a disposizione un’infrastruttura hardware come servizio Web.
Su ogni infrastruttura, il fruitore del servizio può svolgere qualsiasi operazione o applicazione di cui ha bisogno.
L’infrastruttura hardware viene identificata in un server con particolari caratteristiche hardware/software concordate con il cliente:

  • Potenza di calcolo (CPU); 
  • Spazio remoto per la memorizzazione non volatile di dati; 
  • RAM; 
  • Sistema operativo. 

I Cloud server possono essere di due tipi:

  • Reali o dedicati; 
  • Virtuali. 

Per server dedicati intendiamo una macchina reale di un data center.
Un server virtuale è creato attraverso un processo chiamato virtualizzazione, e consente la creazione di un calcolatore virtuale, che sfrutta solo una parte della potenza di calcolo della macchina reale.
Tale tecnologia permette un migliore uso dei server, aggregando più sistemi operativi condivisi su un singolo calcolatore. Permette inoltre una facile migrazione attraverso la quale, se un calcolatore è in stato di sovraccarico, un istanza del sistema con le relative applicazioni, può essere migrato su un nuovo calcolatore senza comportare interruzioni di servizio.

La potenza di calcolo di una macchina reale è così condivisa da più macchine virtuali, le quali risiedono su di essa.

In base ai tipi di server necessari, tale servizio si può dividere in:

  • Private Cloud; 
  • Dedicated Hosting; 
  • Hybrid Hosting; 
  • Cloud Hosting.

 

Presto nuovi articoli su queste quattro categorie!

Torna indietro:

Introduzione al Cloud Computing – Parte 1

Servizi SaaS

Servizi PaaS

Image: scottchan / FreeDigitalPhotos.net

Michele Pierri

Sviluppatore android/web/desktop, blogger, nonchè sostenitore incallito dell'universo Cloud Computing, nel tempo libero amo fare sport e praticare arti marziali.