Introduzione al Cloud Computing – PaaS

Nell’infrastruttura Platform-as-a-Service (PaaS), il fornitore di servizi Cloud mette a disposizione attraverso la rete, una piattaforma software attraverso la quale, gli utenti finali, possono sviluppare e rendere disponibili le proprie applicazioni.

L’utilizzo che ne viene fatto è rivolto allo sviluppo di:

  • applicazioni Web scalabili in base alle richieste di utilizzo;
  • applicazioni per calcolo parallelo in cui ogni lavoro è svolto da un’istanza separata;
  • applicazioni Web in grado di gestire grandi quantità di dati relazionali.

Alcuni esempi di PaaS sono:

Se da un lato queste caratteristiche esentano lo sviluppatore da requisiti hardware o software, dall’altro lato lo obbligano nel possedere conoscenze specifiche di programmazione, che variano da fornitore a fornitore.
Ognuno di essi può infatti decidere di mettere a disposizione delle determinate tecnologie, ognuna delle quali richiede una specifica conoscenza di base.
Windows Azure ad esempio, mette a disposizione l’ambiente di sviluppo proprietario Microsoft chiamato .Net per realizzare sistemi complessi.

Google mette invece a disposizione piattaforme Java e Python insieme a particolari librerie proprietarie, attraverso le quali realizzare applicazioni compatibili con i servizi da lei offerti.

Prossimi articoli

Servizi PaaS

Servizi IaaS

Torna indietro

Introduzione al Cloud Computing – Parte 1

Image: scottchan / FreeDigitalPhotos.net

Michele Pierri

Sviluppatore android/web/desktop, blogger, nonchè sostenitore incallito dell’universo Cloud Computing, nel tempo libero amo fare sport e praticare arti marziali.